Play: Per sempre bambino


Eventi

« < Dicembre 2017 > »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dell'utilizzo dei cookie per migliorare la user experience. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

    Leggi Privacy Policy

    Leggi e-Privacy Directive Documents

PDF Stampa E-mail

Sipario

Non ho più voglia di mentire
e nemmeno di nascondermi
e da chi dovrei poi nascondermi?
sono io, sono nudo, sono vero, sincero
trasparente anche se impuro
fondamentalmente insicuro
lo ammetto, accetto ogni mio difetto
non mi cambierei
non voglio essere perfetto
non l’ho chiesto mai
ma quando sbaglio mi odio
ed esce ogni scheletro dal mio armadio
e riparto, armi e bagagli
per il palcoscenico dei miei sbagli

apro il sipario sulle mie fantasie
sui miei errori, sulle mie follie
metto in scena la mia recita migliore
sono un clown che sorride di dolore
sono io, niente trucchi, niente inganni
sono l’artefice dei miei danni
fischi o applausi ancora non lo so
calerà il sipario quando io lo vorrò

apro il sipario e respiro meglio
dietro il sipario ora mi spoglio
in scena! on stage!


my soul is naked
la mia anima e’ nuda
il mio corpo e’ nudo
la mia anima e’ nuda, sono io

apro il sipario sulle mie fantasie
sui miei errori, sulle mie follie
metto in scena la mia recita migliore
sono un clown che sorride di dolore
sono io, niente trucchi, niente inganni
unico artefice dei miei danni
fischi o applausi ancora non lo so
calerà il sipario quando io vorrò
dietro il sipario c’e’ la mia realtà
un volto composto da mille identità
un pagliaccio, un trapezista, un mago
un acrobata che danza sopra un lago
sono io, ogni replica una sfida
ogni silenzio una mia cellula che grida
ma di gridare forza più non ho
e allora giù il sipario, che vi piaccia o no

cala il sipario ma io resto qua
tra vittorie, sconfitte e malcelata vanità
un grazie a chi ancora mi accompagnerà
nel mio cammino di testarda cecità
uguale, diverso, ma sempre e solo io
nell’incertezza di un lento oblio
tra rossi velluti vi sussurrerò il mio addio