Play: Per sempre bambino


Eventi

« < Dicembre 2017 > »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dell'utilizzo dei cookie per migliorare la user experience. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

    Leggi Privacy Policy

    Leggi e-Privacy Directive Documents

PDF Stampa E-mail

‘ORCHIDEE SULLA TUA PELLE’ (singolo 2014)
Registrato presso: MacWave Studios (Brescia)
Prodotto da Paolo Costola.
Testo, musica, voce, cori: Luca De Paoli
Chitarre, basso, cori: Paolo Costola
Batteria: Alberto Pavesi
Synths, programmazione: Valerio Gaffurini

Lasciami baciare le orchidee sulla tua pelle
abbandonate li’ confusamente sul tuo corpo
come sassi immobili sul fondo di un torrente
stordiscimi con il sapore dei tuoi petali di porpora
fammi assaporare le orchidee sulla tua pelle
poi guidami nel tuo calore, nel colore dei pensieri tuoi
perdimi e ritrovami nel labirinto oscuro
della tua segreta intimita’
della tua ipnotica sensualita’

lasciami seguire il cammino composto dai tuoi nei
un sentiero cosi’ intimo che ho timore di percorrerlo
lasciami baciare le orchidee sulla tua pelle
sfiorarle con le dita come un cieco che vuol leggere
i racconti che tu scrivi sul tuo viso
lascia che ti parli senza voce, senza suono
con parole pronunciate mai

fammi dissetare alle cascate torrenziali
che precipitano inarrestabili dal collo alle tue spalle
lascia che io esplori quel mistero che si cela
nelle orchidee sulla tua pelle
erotico narcotico come polline proibito
da raccogliere con avidita’ sulle tue labbra morbide
da custodire attentamente in fondo, dentro me
tu lascialo sbocciare e poi fiorire in me

lascia che io veda – lascia che io senta
lascia che respiri – lascia che ti esplori

lasciami seguire il cammino composto dai tuoi nei
un sentiero cosi’ intimo che ho timore di percorrerlo
lasciami baciare le orchidee sulla tua pelle
sfiorarle con le dita come un cieco che vuol leggere
quei racconti che tu scrivi sul tuo viso
lascia che ti parli senza voce, senza suono
con parole pronunciate mai

lasciami guardare, lasciati vedere, lasciami